Amministrazione Trasparenza

Il risk management o processo di gestione del rischio è “l’insieme di attività, metodologie e risorse coordinate per guidare e tenere sotto controllo un’organizzazione con riferimento ai rischi”

Nell’ambito del processo di modernizzazione della disciplina europea degli aiuti di Stato, che richiede agli Stati membri la realizzazione di registri pubblici online per tutti gli aiuti di Stato, a carattere nazionale, regionale e locale, nel 2014 sono state adottate disposizioni  di un più generale regime di trasparenza. A tal fine, in Italia è stato recentemente adottato il regolamento per il funzionamento del Registro nazionale degli aiuti di Stato in attuazione del regolamento generale di esenzione (UE) n. 651/20143. 
In aggiunta a queste disposizioni, il decreto legislativo n. 33/2013 prevede obblighi di trasparenza sui pagamenti delle pubbliche amministrazioni (articolo 4‐bis), sugli incarichi di collaborazione o consulenza e in materia di personale (articoli da 15 e 20) e sugli atti di concessione di sovvenzioni, contributi, sussidi e attribuzione di vantaggi economici a soggetti pubblici e privati (articolo 26).   
In questo contesto, le prescrizioni introdotte dalla legge n. 124/2017 vanno considerate nel più ampio insieme delle disposizioni volte ad assicurare la trasparenza nelle relazioni finanziarie tra i soggetti pubblici e gli altri soggetti, in parte di origine europea, in parte di fonte nazionale.  
 
La Legge Gelli n. 24/2017, all’art. 4 disciplina la trasparenza dei dati, assoggettando all’obbligo di trasparenza le prestazioni sanitarie erogate dalle strutture pubbliche e private nel rispetto della normativa in materia di protezione dei dati personali di cui al GDPR 679/2016.   

Pertanto, per le strutture sanitarie e sociosanitarie pubbliche e private in relazione agli obblighi di trasparenza la Legge 24/2017 prevede:

– all’art. 2, comma 5  la pubblicazione della relazione annuale consuntiva sugli eventi avversi verificatesi all’interno della struttura

– all’art. 4, comma 3 la pubblicazione dell’importo dei risarcimenti erogati relativi all’ultimo quinquennio, qualora presenti

– all’art. 10, comma 4   la pubblicazione  della denominazione dell’impresa che presta la copertura assicurativa della responsabilità civile verso i terzi e verso i prestatori d’opera