Specialistiche cliniche

Tutte le specialistiche cliniche dei nostri professionisti alla Ruesch

Ambulatori specialistici

Nei moderni ed attrezzati ambulatori della Clinica Ruesch numerosi professionisti mettono a disposizione la loro competenza per le diverse specialità

L’accettazione ambulatori supporta l’attività degli specialisti ed accoglie le prenotazioni dei pazienti per garantire la massima efficienza del servizio È possibile prenotare le seguenti consulenze:

Clicca qui per maggiori informazioni

  • Consulenza Allergologica
  • Consulenza Anestesiologica
  • Consulenza Angiologica
  • Consulenza Antalgica
  • Consulenza Cardiologica
  • Consulenza Chirurgia Generale
  • Consulenza Chirurgia Plastica Ed Estetica
  • Consulenza Dermatologica
  • Consulenza Diabetologica
  • Consulenza Ematologica
  • Consulenza Endocrinologica
  • Consulenza Epato Bilio Pancreatica
  • Consulenza Fisiatrica
  • Consulenza Gastroenterologica
  • Consulenza Ginecologica
  • Consulenza Maxillo Facciale
  • Consulenza Medicina Dello Sport
  • Consulenza Medicina Interna
  • Consulenza Nefrologica
  • Consulenza Neurologica
  • Consulenza Nutrizionale
  • Consulenza Oculistica
  • Centro Glaucoma Advance Care
  • Consulenza Odontoiatrica
  • Consulenza Ortopedia E Traumatologia
  • Ortogeriatria
  • Consulenza Ortopedica
  • Consulenza Otorinolaringoiatria
  • Consulenza Pediatrica
  • Consulenza Pneumologica
  • Consulenza Proctologica
  • Consulenza Psichiatrica
  • Consulenza Radiologica Interventistica
  • Consulenza Senologica
  • Consulenza Specialistica in Malattie Infettive
  • Consulenza Specialistica Radiologica
  • Consulenza Uro/Andrologica
  • Consulenza Vascolare

Elenco degli esami strumentali prenotabili presso la Clinica Ruesch

Diagnostica allergologica

  • Esame allergologico

Diagnostica cardiologica e angiologica

  • Controllo pacemaker e/o defibrillatore automatico
  • Ecocardiografia Transesofagea
  • Ecocardiogramma Color Doppler
  • Ecocardiogramma Color Doppler neonatale
  • Elettrocardiogramma (ECG)
  • Holter cardiaco 24hr
  • Holter pressorio 24hr
  • Holter pressorio 48hr
  • Test da sforzo al cicloergometro

Diagnostica dermatologica

  • Crioterapia con azoto liquido (per seduta)
  • Esame epiluminescenza

Diagnostica neurologica

  • Elettroencefalogramma (EEG) (solo tracciato)
  • Elettromiografia
  • Elettroneurografia

Diagnostica oculistica

  • Acuità visiva
  • Biometria ottica
  • Biomicroscopia
  • Campimetria computerizzata (o perimetria)
  • Conta cellule endoteliali
  • Fondo oculare
  • Laser Argon 532 – Laserterapia lesioni retiniche (a seduta)
  • Laser SLT – Laserterapia del glaucoma e delle sue complicanze (a seduta)
  • Laser Yag – Laserterapia cataratta secondaria (a seduta)
  • OCT anteriore (a seduta)
  • OCT posteriore (a seduta)
  • Pachimetria corneale
  • Studio del segmento anteriore
  • Test di acuità visiva e discriminazione cromatica (o BVCA)
  • Tonometria
  • Topografia con tecnologia Scheimpflug
  • Valutazione nictoemerale pressione oculare (curva tonometrica)

Diagnostica otorinolaringoiatria

  • Esame audiometrico
  • Esame impedenzometrico (ORL)
  • Tappo di cerume, estrazione
  • Esame fibrolaringoscopico
  • Otoscopia
  • Esame vestibolare con stimolazione termica
  • Rinoscopia

Diagnostica ortopedica

  • Bendaggio con garza e ovatta (medicazione)
  • Bendaggio Dessault amidato o gessato
  • Bendaggio Dessault semplice
  • Esame baropodometrico dinamico
  • Esame baropodometrico statico
  • Esame baropodometrico statico+dinamico
  • Immobilizzazione
  • Immobilizzazione con Stecca di Zimmer
  • Infiltrazione
  • Medicazione ortopedica ambulatoriale
  • Mobilizzazione attiva e passiva
  • Mobilizzazione con movimento assistito
  • Plantare
  • Rimozione + applicazione bendaggio
  • Rimozione + applicazione gesso
  • Rimozione e/o applicazione bendaggio / tutore
  • Rimozione e/o applicazione gesso

Diagnostica pneumologica

  • Esame spirometrico
  • Esame spirometrico globale

Diagnostica ginecologica/andrologica

  • Colposcopia (esclusa istologia)
  • DTC (diatermocoaugulazione)
  • Leep ambulatoriale (esclusa istologia)
  • Peniscopia
  • Trattamento Laser Frazionato
  • Vaccino HPV

Diagnostica Riabilitativa

  • Elettrostimolazione
  • Elettroterapia antalgica (a segmento)
  • Elettroterapia stimolante (a segmento)
  • Esercizi posturali
  • Ginnastica medica
  • Ginnastica post-operatoria
  • Ginnastica respiratoria
  • Laser focale
  • Magnetoterapia (a segmento)
  • Massoterapia
  • Massoterapia distrettuale
  • Onda d’urto focale (a segmento)
  • Riabilitazione cardio-respiratoria
  • Rieducazione motoria segmentale complessa (kinesiterapia)
  • Rieducazione motoria segmentale semplice (kinesiterapia)
  • Taping (a segmento)
  • Tecarterapia (a segmento)
  • Ultrasuonoterapia (a segmento)

Altra Diagnostica Ambulatoriale

  • Esame impedenzometrico (PH gastroenerologico)
  • Esame uroflussimetrico
  • Esame impedenzometrico (nutrizione)

Ambulatori infermieristici

Nei moderni ed attrezzati ambulatori della Clinica Ruesch numerosi professionisti mettono a disposizione la loro competenza per le diverse specialità

L’ambulatorio infermieristico è un servizio sanitario nato per rispondere ai bisogni assistenziali dell’utente attraverso l’erogazione di prestazioni infermieristiche.

L’Ambulatorio in Clinica Ruesch è attivo TUTTI I GIORNI dalle 8.00 alle 18.00 Previa prenotazione è possibile recarsi presso l’Ambulatorio per ottenere: assistenza infermieristica, consulenze specifiche. Tutte le prestazioni elencate di seguito possono essere richieste anche A DOMICILIO 24 ore su 24

Elenco prestazioni ambulatorio infermieristico

  • Assistenza Continuativa
  • Assistenza Infermieristica
  • Medicazioni e terapie
  • Cateterismo vescicale a permanenza
  • Clistere (per ogni scopo)
  • Emogas analisi (PH, PC02,PO2 e parametri derivati)
  • Gestione e cambio della stomia
  • Gestione P E G
  • Inserimento sondini naso gastrici per alimentazione enterale
  • Lavaggio vescicale
  • Manipolazione e controllo di drenaggi
  • Medicazione e gestione del catetere venoso (CVC, PICC o Port-A-Cath)
  • Medicazione complessa (incluso ustioni)
  • Medicazione semplice
  • Monitoraggio pressione arteriosa e rilevazione P.V.
  • Raccolta sterile campione di urine mediante cateterismo estemporaneo
  • Rimozione punti di sutura (incluso eventuale medicazione post-chirurgica)
  • Somministrazione dei medicinali prescritti per via topica
  • Terapie Iniettive (intramuscolari, sottocutanee)
  • Tricotomia pre-operatoria
  • Prelievo venoso
  • Counseling
  • Istruzione all’autocontrollo della glicemia
  • Istruzione alla prevenzione e trattamento delle lesioni cutanee croniche
  • Istruzione ed educazione all’autogestione delle stomie
  • Istruzione sulle tecniche di somministrazione farmacologica e nutrizionale

Glaucoma Advance Care

Centro Glaucoma

Per saperne di più

In Clinica Ruesch, in partnership con Medinova, è attivo il servizio per la cura del glaucoma denominato “Glaucoma Advanced Care” in collaborazione con il Dr. Rodolfo Lo Schiavo Elia. Si tratta di un progetto innovativo per la diagnosi precoce del glaucoma e della sua cura medica e chirurgica. Le visite sono erogate sia in percorso privato sia in percorso assicurativo diretto e indiretto, con pacchetti dedicati. La massima tecnologia combinata con competenze professionali specifiche per la diagnosi precoce e la terapia avanzata del glaucoma. Esami Hi-Tech, non invasivi, per diagnosticare il glaucoma fino a otto anni prima rispetto alle tecnologie ad oggi in uso. L’OCT a nostra disposizione, con le sue caratteristiche di precisione e velocità, permette di analizzare e comparare un’enorme massa di dati in pochi minuti. Per i miei assistiti eseguo una routine Glaucoma Advanced Care misurando e analizzando tutti i parametri utili a una diagnosi precoce:

  • RNFL
  • Studio morfologico
  • Ricostruzione in 3d del nervo ottico
  • Studio dell’angolo
  • Mappa Pachimetrica
  • Studio delle cellule ganglionari GCC

Quest’ultimo esame specifico consente di ottenere una diagnosi precoce fino a otto anni prima delle tecniche convenzionali. Naturalmente eseguiamo anche il campo visivo computerizzato che rappresenta ancora lo standard di riferimento. Nel glaucoma ad angolo stretto e nei casi dove esiste indicazione, consiglio l’iridotomia yag laser in quelli ad angolo aperto la Trabeculoplastica Laser Selettiva SLT. I laser utilizzati per queste procedure sono fra i più avanzati e sicuri per la tecnologia applicata nel settore. Per i casi che necessitano di una gestione chirurgica, un team d’esperti chirurghi del glaucoma mi affiancano nelle scelte e in sala operatoria.

Tomografia a Coerenza Ottica – OCT

L’Optical Coherence Tomography, porta in avanti la frontiera della diagnostica medica per immagini in oculistica. Le sue innovative caratteristiche ne fanno uno strumento utile nella diagnosi delle patologie retiniche, nella diagnosi precoce del glaucoma, nello studio del segmento anteriore. Nella malattia della macula l’OCT mostra tutte le sue potenzialità, nella diagnosi e nei controlli post operatori. La profondità d’analisi permette di visualizzare, misurare e comparare tutte le strutture anatomiche dell’occhio. La sicurezza, precisione e velocità d’esecuzione, sono a pieno vantaggio dell’assistito che ottiene esami alla definizione istologica senza alcuna alterazione clinica. La tomografia corneale a correnza ottica, rappresenta un elevatissimo standard per la diagnostica corneale.Fornisce mappe corneali di elevazione e curvatura della cornea. Le misure sono rapide e precise,la pachimetria viene rappresentata in mappa e può determinare tutte le irregolarità della cornea.L’esame è utilissimo nella diagnosi e stadiazione del cheratocono calcolando automaticamente anche altri importanti parametri come l’angolo,la profondità ed il volume della camera anteriore.Le analisi Hi-Tech automatiche di questa procedura innalzano ai massimi livelli la capacità diagnostica del glaucoma.

Tonometria

La misura della pressione oculare si esegue con un apparecchio che si chiama Tonometro di Goldmann e prevede anestesia locale e colorazione mediante fluorescina sodica, il conetto che viene a contatto con l’occhio deve essere sterilizzato tra una misurazione e l’altra. Per semplificare la gestione complicata di questa tecnica, mi affido al Tonometro Jcare, rapido e indolore, con sonde monuouso. Questa tecnica permette di misurare il tono anche a bambini piccolissimi o alle persone che hanno grosse difficoltà a gestire il fastidio di qualcosa che tocchi sull’occhio. Il metodo Hi-Tech è validato dall’European Glaucoma Society come accurato e sicuro.

Chirurgia

Grandi novità portano nuove opzioni terapeutiche. Nel glaucoma, con il metodo GLAUCOMA ADVENCED CARE, da me appositamente messo a punto si ottengono precise diagnosi precoci nell’interesse della salute del paziente ed una riduzione dei costi. Si offrono combinazioni di esami Hi-Teche trattamenti innovativi quali la SLT Trabeculoplastica , Laser selettiva, la Neuroprotezione, il Neuroenhancement, i trattamenti ipotonizzanti personalizzati. Non può essere instaurata una terapia cronica, a vita, senza avere la certezza che sia quella adatta e che funzioni.

Centro Colposcopia HPV

La colposcopia è un esame di II livello che si svolge nell’ambito di un percorso diagnostico e il cui obiettivo è identificare eventuali lesioni da HPV. La Colposcopia consente lo studio accurato del tratto cervico-vaginale e permette di localizzare nella zona della cervice dove è presente la lesione ed dove eseguire la biopsia per l’esame istologico.

Come si esegue la colposcopia

Dopo aver introdotto lo speculum si procede alla detersione della cervice con soluzione fisiologica e alla visualizzazione della stessa a basso ingrandimento. Successivamente si applica sulla cervice uterina acido acetico al 3% o al 5%; questo determina, dopo circa 15 secondi, un rigonfiamento del tessuto causato dalla coagulazione delle proteine intracellulari. L’epitelio squamoso fisiologico non subisce alterazioni rilevanti; invece, i villi di quello ghiandolare presentano un aspetto ad “acino d’uva” ed assumono colore bianco. E’quindi possibile evidenziare tra i due epiteli una linea di transizione bianca che rappresenta la giunzione squamo-colonnare. Un esame colposcopico si definisce soddisfacente solo quando quest’ultima è interamente visibile. Nel caso in cui sia presente un epitelio anormale, si verifica una reazione aceto bianca dovuta all’elevata densità nucleare ed alla maggiore concentrazione di proteine. Queste ultime, quando vengono a contatto con l’acido acetico, subiscono un agglutinamento impedendo il passaggio della luce. Questa reazione generalmente si verifica dopo circa un minuto e persiste per 1-2 minuti. L’intensità e la durata sono direttamente proporzionali al grado di atipia cellulare presente. Il test di Schiller rappresenta una seconda fase dell’esame colposcopico, per eseguirlo è necessario applicare sulla cervice la soluzione iodata di Lugol. Lo iodio, infatti, viene assorbito dall’epitelio squamoso contente glicogeno e determina un colorazione marrone scuro della superficie. Questa soluzione, dunque, rende evidenti aree iodionegative come l’epitelio colonnare, quello atrofico e le aree di metaplasia squamosa, ma soprattutto mette in risalto l’eventuale presenza di zone di trasformazione atipiche che assumo invece un caratteristico colore giallo canarino. Questo esame è in grado di fornire dati aggiuntivi nella valutazione colposcopica e rappresenta un valido ausilio durante l’effettuazione di trattamenti chirurgici della cervice.

Chi deve sottoporsi all’esame e perché

In presenza di un pap-test anormale (referto citologico ASC-US, ASC-H, L-SIL O H-SIL), per poter confermare la presenza della lesione (si ricorda che il pap-test è un test di screening di primo livello e quindi gravato da un certo numero di risultati falsamente positivi) e per poter scegliere un adeguato schema terapeutico, è necessario determinare la localizzazione della lesione da cui provengono le cellule anormali, valutarne l’estensione e avere una diagnosi istopatologica sulla base di biopsie mirate eseguite sotto guida colposcopica in uno o più settori.

Come interpretare il referto colposcopico

La classificazione colposcopica internazionale, approvata a Roma nel 1990 al 7° Congresso Mondiale di Patologia Cervicale e Colposcopia della International Federation for Cervical Pathology and Colposcopy, ha introdotto la definizione di “trasformazione anormale”, distinguendo due diversi gradi di anormalità sulla base delle caratteristiche morfologiche delle immagini colposcopiche. Questa suddivisione (TAG 1- Trasformazione Anormale grado 1 e TAG 2- Trasformazione Anormale di grado 2), consente, inoltre, di stabilire il management terapeutico delle pazienti. La classificazione attualmente in uso è quella redatta dall’IFCPC (International Federation of Cervical Pathology and Colposcopy) (29) presentata al congresso mondiale tenutosi a Barcellona nel 2002 (tabella) che ha sostituito, apportando piccole modifiche, la classificazione del 1990. In presenza di un esame con esito negativo il referto ci indica se l’esame è stato conclusivo o insoddisfacente e definisce un quadro colposcopico normale: le “a livello esocervicale) e della zona di trasformazione . Se invece l’esito dell’esame è positivo per anomalie cervicali, allora il referto ci dà informazioni sul grado della lesione osservata che correla con il grado di trasformazione delle cellule e del tessuto cervicale e che verrà confermato dal reperto istologico. Il referto colposcopico definisce anche la presenza di alcune condizioni che vengono definite “reperti miscellanei”, che possono essere conseguenti a condizioni fisiologiche (deciduosi gravidica), a quadri infettivi/infiammatori di altra natura (colpite, tessuto di granulazione, vescicole o bolle) o alla presenza di modificazioni benigne della cervice uterina (polipi).

Quali sono i limiti dell’esame colposcopico

La colposcopia presenta alcuni dei limiti diagnostici. Il principale è costituito dall’impossibilità di valutare il canale cervicale. Risulterà pertanto inconclusiva ed insufficiente quando la lesione esocervicale risale nel canale cervicale, o quando la giunzione squamo-colonnare non è visibile, ed inadeguata se la lesione è in sede esclusivamente endocervicale. Nelle donne in età fertile e in premenopausa il problema non è in realtà molto frequente dato che la giunzione squamo-colonnare risulta visibile nell’80-90% dei casi. Dopo la menopausa, invece, dato che la giunzione squamo-colonnare risale verso l’interno, il valore della colposcopia diminuisce. Pertanto, in queste pazienti ed in tutte le pazienti con pap-test anormale in cui non è visibile la giunzione squamo-colonnare, si rende necessaria l’integrazione diagnostica con accurato studio del canale cervicale (Endocervicoscopia).

Service traumatologia

Presso la Clinica Ruesch, a Napoli, è attivo il Service di Traumatologia. Si tratta di un servizio di prima assistenza con lo scopo di intervenire con prontezza e competenza il paziente ortopedico.

La Clinica Ruesch individuerà il percorso diagnostico e l’equipe specialistica più adatta al caso da trattare. Il Service di Traumatologia in Clinica Ruesch comprende:

  • Visita Specialistica (anche a domicilio)
  • Diagnostica (Rx, TC, Ecografia)
  • Trattamento Conservativo (bendaggi, etc..)
  • Ricovero in caso di indicazione chirurgica
  • Terapia fisica e riabilitazione